Salta il contenuto
Troppo freddo o troppo caldo non fanno bene al tuo smartphone

Troppo freddo o troppo caldo non fanno bene al tuo smartphone

Il tuo dispositivo è progettato per funzionare senza problemi a diverse temperature: l’intervallo ideale è quello tra i 16 e i 22 °C.

È molto importante evitare di esporlo a temperature superiori ai 35 °C, che possono danneggiare in modo permanente la capacità della batteria e diminuire la durata della singola carica.

Assolutamente sconsigliato metterlo sul cruscotto della macchina durante i viaggi estivi con il navigatore avviato, il telefono avrete visto che raggiunge temperature altissime!

Quando viene caricato in un ambiente troppo caldo, il dispositivo può subire danni ancora maggiori. Il software può limitare il livello di carica all’80% se la batteria supera la temperatura raccomandata. E se viene conservata ad alte temperature, la batteria potrebbe rovinarsi in modo irreversibile. Quando il dispositivo viene usato in un ambiente molto freddo, l’autonomia della batteria può risultare a volte inferiore, ma è una condizione temporanea: una volta riportata alle temperature ottimali, la batteria tornerà alle sue normali prestazioni.

batteria caldo freddo smartphone

Ricaricare il dispositivo con alcuni modelli di custodia può generare un eccesso di calore che ha effetti negativi sulla capacità della batteria.

Se pensi di non utilizzare il tuo dispositivo per un lungo periodo, le condizioni della batteria saranno influenzate da due fattori: la temperatura dell’ambiente e la percentuale di carica della batteria al momento dello spegnimento. Ecco i nostri consigli in proposito.

  • Non caricare o scaricare del tutto la batteria del dispositivo; caricala circa al 50%. Se riponi un dispositivo con la batteria completamente scarica, potrebbe esaurirsi al punto da rendere impossibile una nuova ricarica. Se invece il dispositivo resta inattivo per un lungo periodo con la carica al 100%, la capacità della batteria potrebbe deteriorarsi e la sua autonomia potrebbe risentirne.
  • Spegni il dispositivo, in modo da impedire che la batteria continui a essere utilizzata.
  • Riponi il dispositivo in un luogo fresco e asciutto, a una temperatura inferiore ai 32 °C.
  • Se pensi di non usare il dispositivo per più di sei mesi, ricordati ogni sei mesi di ricaricarlo al 50%.

A seconda di quanto tempo è rimasto inutilizzato, quando lo riaccendi dopo un lungo periodo il dispositivo potrebbe avere la batteria scarica: prima di poterlo utilizzare potrebbero essere necessari 20 minuti di carica con l’adattatore originale.

Articolo precedente Samsung, pesce essiccato e "tre stelle"
Articolo successivo Curiosità: Apple I, uno dei primi personal computer creati per la vendit